Ritornato in Italia un quadro del Mattej

Il quadro fu aquistato a firenze nei primi anni del 1900 da una nobil donna francese che portò l'opera a Parigi.  Qualche anno dopo andò in nozze al presidente della repubblica di Bali . Trasferendosi nell'isola si portò insieme alla sua dote anche questo prezioso quadro che rimase per oltre 100 anni nel palazzo reale.  Venduto dal figlio del presidente è finalmente rientrato in Italia.         Si tratta di un opera particolarmente interessante, sia per la qualità , sia per il fatto che è uno dei rari dipinti arrivati a noi,  con un soggetto biblico.  L'opera è del periodo nel quale il pittore si esprime forse al meglio delle sue capacità, mostrando la grande e ormai       matura versatilità pittorica.                                                                                                                      

Rebecca incontra Eliezer al Pozzo di Nacor

 

Olio su tela di 68 x 90 cm. firmato  "Mattej 1850" ( collezione privata)

 

Raffigura l'incontro di Rebecca, figlia di Rachele, con Eliezer, servo di Abramo inviato dallo stesso

in cerca della sposa destinata ad Isacco, suo figlio.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

dalla BIBBIA:

 

Morta la sua consorte SaraAbramo si prodiga a cercare una moglie per suo figlio Isacco. Questo compito lo affiderà a un suo servo, Eliezer, che giunge alla prossimità di un pozzo che si trova nella città di Arran e dove incontra una giovane donna dal nome Rebecca, che si rivela essere figlia del fratello di Abramo. Essa successivamente lo presenterà alla sua famiglia ed a suo fratello Labano. Alla fine sceglie di seguire il servo e di diventare sposa del cugino Isacco (cfr Genesi24).

Per un lungo periodo di tempo Rebecca rimane senza eredi, ma successivamente porta alla luce due gemelli. La sua gravidanza sarà difficile in quanto i gemelli che porta in grembo si rivoltano l'un con l'altro, segno promonitore della discordia che nascerà tra di loro e tra le nazioni che discenderanno dagli stessi (cfr. Genesi25,21-23). Da Rebecca nascono Esaù, primogenito, e Giacobbe (cfr. Genesi 25,24-26).

In seguito Rebecca aiuta il figlio prediletto Giacobbe ad usurpare (con pieno diritto perché Esaù in un'occasione vendette la sua primogenitura al prezzo di una zuppa di lenticchie (cfr Genesi 25)) presso il padre Isacco la benedizione riservata al primogenito e che doveva toccare al fratello Esaù.

Alla sua morte Rebecca è sepolta a fianco del marito nella tomba dei Patriarchi ad Ebron

Nel Talmud Rebecca è considerata progenitrice del popolo ebraico (attraverso Giacobbe) e del popolo romano (attraverso Esaù): i due figli si urtano e combattono nel suo grembo, prefigurando la futura inimicizia che dividerà i due popoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Centro Studi P. Mattej - 04023 Formia Via Vitruvio 69 - Tel 3386734811